LA NASCITA DI VENERE

Il giorno era appena spuntato. La mattina era radiosa e calma. La luce scintillava silenziosa e cristallina sull’acqua e un vento leggero spazzava la superficie marina senza agitarla. L’orizzonte del mare era netto e aperto, un filo di infinito su cui l’occhio scorreva come una perla.

VenereAd un tratto, a metà mattina, la giornata cambiò. Il sole scomparve, nascosto da nubi arrivate all’improvviso, e si sentì il vento di lontano diventare più forte, tanto da muovere il mare e sollevarlo in onde basse e lunghe, accompagnate da una schiuma bianca, leggera e soffice. Read more

3 modi per raccontare la tua storia d’amore per il matrimonio

Vuoi condividere con i parenti e gli amici i momenti più belli, romantici e incredibili del vostro amore? E vuoi farlo in un modo speciale? Sei capitata nel… post giusto 😉 Qui ti suggerisco oggi tre maniere per raccontare la vostra storia d’amore in vista delle nozze che a me piacciono particolarmente e che sono di sicuro effetto e successo:

– la vostra storia raccontata a puntate,
– il sito (o blog) dedicato alle vostre nozze,
– i post sui social network.

Il giorno delle nozze è per ogni coppia un punto di partenza e un punto di arrivo. Per i vostri invitati sarà un giorno di festa e un bellissimo ricordo, ma la maggior parte di loro vi arriverà sapendo poco o nulla dei tanti momenti belli, delle avventure e delle vicissitudini che avete vissuto insieme e che vi hanno infine portato a compiere il grande passo del matrimonio.

Ovviamente non potete (e soprattutto non dovete) raccontare tutto, ma solo quello che a voi piacerà far conoscere e condividere, in modo che il vostro grande giorno sia ancora più stupendo e favoloso.

Cominciamo?

1) Scrivi la vostra storia a puntate

Il modo più semplice e romantico per far conoscere la vostra storia d’amore a chi non la sa (ma anche a chi la sa e vuol rigustarla in una maniera originale) è di raccontarla come se fosse un romanzo appassionato e avvincente. Gli episodi più importanti e i momenti che sono stati per voi i più significativi diventano, grazie alla poesia delle parole, capitoli di un romanzo di cui voi siete i protagonisti.

storia a puntate.jpgPer poter realizzare quest’idea, prendete carta e penna, sedetevi a tavolino e iniziate a mettere nero su bianco la vostra storia. Se il compito vi spaventa o volete una consulenza, contattatemi pure a qualsiasi ora del giorno e… della notte. Vi risponderò in poche ore.

Dopo che i capitoli della vostra storia saranno scritti, mandateli ai vostri lettori uno dopo l’altro come se fossero altrettante puntate di un coinvolgente feuilleton. Se un tempo si usavano carta e francobolli, oggi potete usare, per spedirli, la posta elettronica. Con un click, raggiungerete via mail tutte le persone che desiderate. Ogni quanto inviarli? La periodicità si decide in base a quanti capitoli sono stati scritti e a quanto tempo manca alle nozze. Il mio consiglio è iniziare con largo anticipo, per non ritrovarvi a fare tutto con troppa fretta.

Oltre che inviarli via mail, potete anche, per i vostri amici più intimi, per i vostri genitori e altri familiari ai quali vi unisce un legame profondo, per i vostri testimoni far stampare la vostra storia proprio come un libro e regalarla il giorno delle nozze in segno di affetto e riconoscenza.

2) Crea un blog o un wedding site e racconta la tua storia

È una moda ormai diffusa, quella di creare un sito dedicato al proprio matrimonio. Il sito racconta come stanno andando i preparativi del matrimonio. Consente di postare messaggi e comunicazioni per gli invitati, di condividere informazioni utili sulla cerimonia e sul ricevimento e la lista dei regali. Una sezione del sito può essere allestita per inserire il guest book e l’album di nozze.

sito.jpgMa soprattutto, nel sito, puoi raccontare del vostro amore come farebbe la principessa di una favolaDal come vi siete conosciuti ai vostri momenti più importanti, gli episodi più buffi, i viaggi che avete fatto insieme, al come ti ha chiesto di sposarlo. Puoi pubblicare foto del periodo in cui eravate fidanzati, frasi che ti inviava e tutto ciò che hai voglia di far vedere. Pubblicare la vostra storia sul sito permette a chi la leggerà – a tutti, se non poni limitazioni, solo a chi vuoi tu, se potrà leggere solo chi ha la password e username – di conoscerla in modo coinvolgente e di commentare, di lasciare, cioè, un pensiero su di voi e sulle emozioni che il vostro amore suscita. Se poi scegliete di creare un blog tutto vostro su una delle molte piattaforme disponibili per dedicarlo soltanto al racconto del vostro amore, l’interazione coi vostri ospiti sarà ancora maggiore, così come, cosa da non trascurare, la facilità e semplicità di pubblicazione e di gestione.

3) Posta sui social i momenti più belli

social.jpgQuante volte ti è capitato che Facebook ti riproponesse una foto o un post particolare su voi due tra i ricordi? Quante foto avete pubblicato su Instagram che vi ritraggono insieme o scatti delle vostre vacanze e di quello che vi capitava nella quotidianità di tutti i giorni? E i vostri tweet, quelli con cui parlavate di voi o condividevate belle frasi e riflessioni?

Un’idea fresca e attuale per raccontare la vostra storia è di scegliere un social (il più comodo è a mio parere Facebook) e di raccontare attraverso immagini, frasi, post e, soprattutto, ricordi recuperati dai vostri diari virtuali il vostro amore.

Che mi dite? Vi piacciono queste idee? Quale vi piacerebbe realizzare? Scrivetelo nei commenti.

©Federica per Storie in punta di righe

Il SOLE E LA SUA LUNA

Da molto tempo, il Sole viveva solo in un grande palazzo tutto d’oro. Abitava dietro l’orizzonte, dal quale sorgeva ogni mattina, al suo risveglio, per dare luce alla terra. Di notte, quando eclissava per andare a dormire, la Luna prendeva il suo posto. Sorgeva alta nel cielo in tutta la sua bellezza e lo illuminava con la sua splendida e incantata radiosità.

Entrambi percorrevano i giorni in lungo e in largo con il loro baule di sogni. Non si stancavano mai di portarli con sé, perché erano il loro tesoro più caro, l’unico che avesse reale valore.

sky-690293_960_720.jpgIl Sole e la Luna non si erano mai incontrati o visti nel loro viaggiare. Finché un mattino, Read more

3 IDEE REGALO per la TUA futura SPOSA

Le avete già fatto la proposta di matrimonio ufficiale, suggellata dal regalo più importante della sua vita, l’anello di fidanzamento, ma volete stupire la vostra futura sposa con un altro regalo, un regalo di matrimonio che celebri la vostra vita futura insieme? Le idee per un regalo di questo genere sono tante: un viaggio insieme, altri gioielli che le piacciono, pensieri floreali speciali, pezzi di arredamento, libri… Io ho deciso di suggerirvene 3 molto romantiche, dolci e, soprattutto, tutte vostre.

Un diario e una penna

crafts-2070236_960_720.jpgCaro diario, ti racconto cos’è successo oggi… Per tenere memoria nel tempo, per raccogliere tutti i momenti preziosi della vostra vita matrimoniale insieme, per raccontare con epicità le vostre avventure più grandi e quelle quotidiane e per non scordarvi mai degli aneddoti più buffi, il diario è un regalo incomparabile e inestimabile. Le sue pagine sono un tesoro di ricordi da rispolverare nel tempo e risfogliare ogni volta che volete. Read more

COME AMORE E PSICHE

Psiche era aggraziata e brillava come una stella tanto era bella, una bellezza che rapiva tutti col suo incanto e che rapì anche Amore, non appena lui la vide. Mia madre mi diceva sempre di uscire curata perché non si sapeva mai chi potevo incontrare, magari anche il principe azzurro che si innamorava come fece Amore con Psiche. Un consiglio che seguivo scrupolosamente, tranne che per andare al supermercato. Lì, in fondo, chi potevo incontrare, soprattutto di sabato mattina? Era sempre molto affollato e non vedevo l’ora di uscirne e di chi c’era o non c’era mi importava poco.

incontri al supermercatoQuel sabato mattina mancavano lo zucchero, l’insalata, il dolce Read more

IL GATTO DELLA BEFANA

Tanto tempo fa, i gatti erano tutti tigrati rossi o grigi. Soltanto uno aveva il manto nero: il micio della Befana.

Non lo si vedeva in giro perché accompagnava sempre la Befana nei suoi lunghi viaggi per il mondo. Seduto a cavallo della sua scopa, poteva vedere tanti posti meravigliosi e ogni luogo era per lui, curioso e intelligente come solo i gatti sanno essere, affascinante e interessante. Purtroppo, li poteva conoscere sempre e solo dall’alto. Non scendeva, infatti, mai dalla scopa.

Il gatto della BefanaQuando tornava a casa da uno dei viaggi, poi, stava sempre con la Befana a farle compagnia oppure nei dintorni del giardino e non si allontanava mai dal recinto. Mentre recuperava le forze, spesso si chiedeva come fosse la vita degli umani, Read more

LA LEGGENDA DELL’AGRIFOGLIO

Stava per giungere l’inverno. Il vento gelido e gli alberi quasi del tutto spogli annunciavano che era ormai alle porte e gli uccellini del bosco un po’ alla volta partirono verso luoghi dove poter trovare riparo. Rimase soltanto un piccolo uccellino, troppo giovane e debole per affrontare lunghi voli alla ricerca di un rifugio più sicuro del suo nido esposto alle intemperie. Le sue ali non avrebbero retto la traversata.

Arrivò dicembre e con esso l’inverno rigido e la neve. Il piccolo uccellino aveva freddo e fame. Il suo nido non lo scaldava più e la neve impediva di trovare ancora cibo. Lì non poteva più stare. Raccolse le sue poche forze e decise di mettersi in viaggio. Read more

IL REGALO DI MATILDE

Ogni mattina Matilde, mentre andava a scuola, si fermava a guardare le luminarie appese alle case e agli alberi dei giardini lungo la strada, anche se erano spente. C’erano ghirlande, stelle comete, renne, lunghi fili di luci intorno ai rami e cascate luminose che scendevano dai balconi. Al tramonto ogni decorazione avrebbe acceso il buio serale e, più tardi, illuminato tutta la notte.

christmas-tree-3860669_960_720Le sue luci preferite erano quelle a forma di fiore e di piccola stella. Read more

VOLEVO DIVENTARE PITTORE: LEI AVREBBE ABITATO IL MIO PRIMO QUADRO

Nei pomeriggi d’estate mi affacciavo spesso alla finestra. Nelle ore più calde non potevo uscire e mi piaceva guardare il mondo dalle imposte socchiuse. Mia madre non le accostava mai del tutto, lasciava sempre un’apertura di qualche centimetro, che sporgeva sul mio personale piano prospettico. Da lì, spingevo lo sguardo all’orizzonte e potevo abbracciare tutta la vastità del territorio collinare. Studiavo i pieni e i vuoti, ne ammiravo le alture e le geometrie e sognavo di dipingerle. Le linee, le ombre, i colori danzavano davanti ai miei occhi. Allora non avevo bisogno di nessuna tela per immaginare il quadro che, me lo sentivo, ne ero certo, un giorno avrei dipinto.

Dopo le cinque uscivo. La luce inondava ogni cosa con una forza e una dolcezza che mi rendevano parte del tutto. Mi sentivo in pace col mondo, una pace senza scalfitture. Read more

DIALOGHI SURREALI: PENSIERI E DIVAGAZIONI DEL VENERDÌ

Chi di voi ha un cane? Non vi sono mai capitate situazioni inverosimili? Domande strane e considerazioni “innovative” della cinofilia? A me (e a molti altri) sì. Oggi nella mia divagazione del venerdì, prendo spunto dalla realtà e vi propongo una scenetta, uno sketch, se volete, che mostra quello che può accadere quando due proprietari di cani, con vedute e conoscenze diverse, si incontrano.

«dog-2889855_1280.jpgAvere un cane è meraviglioso e ti riserva spesso delle sorprese. Era un caldo pomeriggio di maggio e stavo portando a passeggio la mia Lilly. A un tratto vedo in lontananza una signora che ci osserva e che cammina nella nostra direzione. Mi ferma per farmi i complimenti per la cucciolotta, una meticcia di tre anni. Read more