5 Comments

  • Giuseppe Sabino

    Sai che ritrovi e che riperderai cio’ ami, ma in ambedue i casi e l’emozione che riesce a essere ,comunque, presente! Le attese, le illusioni e le incertezze , sono solo condimento. Energia e calore del nostro amore!❤✨💫

    • Federica

      La principessa si è tolta le scarpette (scomode) coi tacchi a spillo, troppo alti per lei, e infilate un paio di scarpe da ginnastica si è messa a salire i gradini della scalinata che porta al castello. Bussa alla porta, anzi no, ne ha la chiave. L’uscio si apre, i cardini reggono il peso della porta, lo fanno leggero. Lei tende la mano e lui l’afferra! Ha trovato il suo filo invisibile e non lo perderà né lascerà più.

  • Giuseppe Sabino

    Sarebbe bello sapere cosa pensava, mentre saliva quei gradini…
    Vorrei sapere cosa sentiva, nell’udire quel cigolio che emanavano i cardini, mentre apriva quel….quel…”PORTALE” .
    Infine mi piacerebbe sapere dove…dove lei avvolge quel filo, si…immagino dove ma..vorrei sentirlo dire …da lei!!!

    • Federica

      Pensava che quella era la sua scala… percorreva i suoi gradini con gioia e con passo ampio e leggero, qualche volta più deciso, qualche volta più cauto. Sapeva che lui l’attendeva ed era felice di questo pensiero! Ogni tanto lui scendeva a darle una mano quando le sembrava affaticata oppure si nascondeva per lasciarla libera di andare avanti da sola 😉.
      Cosa provava di fronte alla porta? Esitazione e certezza allo stesso tempo. Quei cardini non cigolavano!! Erano fermi, sull’attenti, pronti a girare su se stessi, e morbidi, incredibilmente morbidi. Volevano assolutamente essere aperti!! Volevano che lei li aprisse.
      Quel filo lei lo avvolge intorno al cuore di lui, come un’ancora gettata tra le onde del mare e poi lo trae a sé, come una scialuppa che poi torna al suo approdo, per annodarlo definitivamente intorno al suo cuore… <3 <3 Due non sono più due ma uno, un cuore unico e un filo soltanto.

  • Giuseppe Sabino

    Come si unirono , diventarono un solo cuore. Egli volle così proteggersi e proteggere, andò nel portone e richiudde la porta, ritornando così nella sua pace piena di tranquillita’! Lì, chiuso in quel castello, con quella pace, tranquillità d’amore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *